Sabato De Simone

Ingegnere Civile e Ambientale

Progetto e calcolo strutturale

Il piano interrato di una struttura in cemento armato, con vista di una paratia di pali

I requisiti fondamentali di una struttura sono:

  • la resistenza alle azioni a cui sarà sottoposta
  • le funzioni architettoniche a cui deve rispondere
  • i costi di realizzazione contenuti.

Come progettista strutturale di un edificio, perseguo tali obiettivi articolando il lavoro in un insieme di valutazioni:

  • geometriche
  • funzionali
  • teoriche
  • tecnologiche
  • di esecuzione
  • economiche.

Il tutto va fatto in tempi contenuti.

Geometria del progetto

Le valutazioni di carattere geometrico sono solitamente vincolanti per le successive, e pongono le prime condizioni allo strutturista. Si pensi ad esempio alle funzionalità architettoniche come la distribuzione degli ambienti interni e le altezze d'interpiano, o agli spazi per il passaggio degli impianti, o più ampiamente al luogo in cui l'opera verrà realizzata.

Funzioni

Le esigenze funzionali invece formulano le domande a cui la struttura deve rispondere. Esse derivano sia dalle azioni previste sull'edificio (il terremoto, il vento, i semplci carichi sui solai), sia ancora dalle condizioni geometriche imposte (la posizione dei tramezzi, le luci dei solai, la posizione di scale e ascensori e così via).

Valutazioni teoriche e scelte tecnologiche

Le capacità del progettista vengono chiamate in causa proprio in queste due fasi fondamentali:

  • sulla base dei principi teorici viene concepita, delineandola mentalmente, una struttura più o meno rigida, più o meno leggera, che interagisce in un certo modo con il terreno ed eventuali edifici in aderenza, e che sia resistente e sicura quanto richiesto;
  • partendo da questa prima bozza concettuale, si compiono le scelte tecnologiche che definiranno l'oggetto finale da realizzare: si compone la struttura a partire dalla sua globalità (l'adozione del cemento armato o dell'acciaio, la scelta del tipo di fondazione) fino ai particolari, elementi cruciali da cui dipende la corrispondenza della struttura progettata con quella costruita, e quindi il suo funzionamento in termini di sicurezza.

Esecuzione e costo

Dalla fattibilità esecutiva e dai costi congrui è riconoscibile la qualità del progetto della struttura.

La fattibilità esecutiva deriva direttamente da uno studio accurato dei particolari costruttivi e dei materiali da adoperare. Essi non devono introdurre complicazioni pratiche, tempistiche e logistiche per l'impresa e la manodopera.

L'esecutività dipende anche dal percorso (burocratico e di cantiere) che il progetto dovrà seguire. In tal senso va curato l'elaborato finale dell'opera. È essenziale che esso descriva e rappresenti il progetto in modo chiaro e preciso, in quanto è il mezzo con cui lo strutturista comunica il lavoro da eseguire a tutte le figure che lavoreranno per la sua realizzazione:

  • il Progettista Architettonico
  • il Geologo
  • organi di controllo quale il Genio Civile
  • il Direttore dei Lavori
  • le Imprese esecutrici
  • il Collaudatore

Infine (e sin dal principio), l'aspetto economico va tenuto fermamente in considerazione durante tutto il lavoro che il progettista svolge.

  • Le indagini geologiche e il loro costo vanno commisurati ai lavori da eseguire; va anche valutato di approfondirle se, a fronte di un costo maggiore, si possa conoscere meglio il terreno e dimensionare fondazioni o muri controterra più snelli.
  • Similmente, eventuali indagini strutturali su una costruzione esistente vanno eseguite con un grado di approfondimento tale che il loro costo venga poi giustificato, con la maggiore conoscenza della struttura, dal conseguente risparmio sugli interventi.

Fattiblità in cantiere

Nella scelta della tipologia strutturale e delle tecniche di esecuzione, lo strutturista deve ben considerare:

  • la fornitura dei materiali e la loro reperibilità in commercio
  • i mezzi da impiegare, anche in relazione al luogo in cui vanno eseguiti i lavori. Si pensi a scavi, luoghi difficilmente raggiungibili, spazi esigui per le movimentazioni.

Prevedendo opportunamente questi aspetti, verranno limitati gli imprevisti e le complicazioni per le imprese esecutrici.

Tempi di cantierizzazione del progetto

Altra esigenza primaria della committenza sono i tempi di preparazione del progetto, distinguibili in due intervalli temporali.

  1. Nel primo, il progettista compie tutto il lavoro sopra descritto, ed il tempo impiegato dipende strettamente dal progettista stesso.
  2. Nel secondo arco temporale, l'elaborato progettuale viene tipicamente allegato a una pratica e presentato al Genio Civile, e l'attesa per il rilascio della pratica dipende ancora una volta dal progettista, in virtù della qualità e della chiarezza del suo elaborato progettuale, e in virtù della massima compatibilità possibile del progetto con le modalità di controllo seguite dagli uffici.

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Contatti

Sabato De Simone

Ingegnere civile - Web designer

via Pincera n° 14/5
84085 Mercato San Severino (SA)

Telefono: 333 2244001

Fax: 081 5141052

PEC: sabato.desimone@ordingsa.it

Primo piano di Sabato De Simone, ingegnere

 

Invia una e-mail:

...

Newsletter

Iscrivi il tuo indirizzo e-mail per ricevere gli aggiornamenti da sabatodesimone.it

sito on-line dal 28-ott-2014

Visite oggi
Da sempre
908
373710

I cookie aiutano il sito a offrire servizi di qualità. Utilizzando i servizi del sito, l'utente accetta le modalità d'uso dei cookie.